“Ci sono numerose questioni aperte che riguardano il personale e gli addetti impiegati nella difficile opera di ricostruzione nelle aree colpite dai terremoti, soprattutto per quanto riguarda gli eventi sismici del 2009, dell’Emilia e del Centro Italia. E ci vuole un approccio organico. Al momento, il personale, in gran parte precario, viene tutto prorogato fino al 31 dicembre 2020. Ma bisognerà prevedere ulteriori proroghe e stabilizzazioni. Sono quindi grata al Ministro della PA, Fabiana Dadone, di aver accolto la mia proposta di aprire un tavolo ad hoc presso il Dipartimento della funzione pubblica affinché le diverse problematiche potranno essere affrontate. Il tavolo dovrà vedere protagonisti sia le organizzazioni sindacali che gli enti dove il personale è dislocato”. Lo dichiara la deputata Dem Stefania Pezzopane, relatrice del decreto Sisma.

“Finalmente – aggiunge Pezzopane – questo governo accoglie una mia proposta che in precedenza era caduta nel vuoto. E da spazio alle organizzazioni sindacali per proporre una visione d’insieme. Ora serve un progetto organico che non scarichi sui tanti lavoratori precari il costo della ricostruzione. Che sostenga la stabilizzazione dei lavoratori precari, la loro riorganizzazione e quindi la velocizzazione della ricostruzione.”

Roma, 20 novembre 2019